Artedo - Ente Accreditato MIUR ai sensi della Direttiva Ministeriale 90/2003 con decreto prot. AOODPIT.852 del 30/07/2015


17/18.06.2017 - Lecce, laboratorio "Ars Lineandi"

Si svolgerà a Lecce sabato 17 e domenica 18 Giugno 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio "Ars Lineandi", condotto da Angelo Prinzo, Arteterapeuta, Violoncellista.

Abstract del laboratorio

Così si esprime il filosofo ateniese Proclus (412-485 a.C.) sull’Ars lineandi: “L’Ars lineandi (disegno di forme) è la reminiscenza delle idee invisibili che vivono nell’anima, ed eccone i risultati....dà vita alle proprie conoscenze, risveglia lo spirito, purifica la comprensione e mette in luce le forme appartenenti alla nostra essenza. Pone fine alla bassezza e all’ignoranza che fanno parte di noi fin dalla nascita e ci libera dalle catene della stoltezza. Risveglia l’anima dal suo sonno e la muove verso lo spirito. Solo essa ci rende veri esseri umani; essa ci fa contemplare lo spirito e ci guida nuovamente verso gli dei.” L’Ars lineandi è una delle più antiche forme d’arte dell’umanità, basti pensare alle pietre incise nel neolitico o nell’età del bronzo. In un’epoca in cui
alcune nazioni hanno scelto per le loro scuole di non utilizzare più il corsivo, in cui il segno di proprio pugno come atto volitivo del proprio io rischia di essere sostituito esclusivamente dalla fredda e paralizzante digitazione il disegno dinamico e di forme è una sorgente viva attraverso cui sperimentare l’umano nel gesto. Quante volte ci si è trovati a disegnare non solo scarabocchi ma forme partendo da una linea senza mai interromperla? La linea retta, la curva, la spirale, la linea ondulata sono parte dell’uomo e della natura. Kutzli scrive: “...l’elemento artistico del disegno di forme è la linea come traccia di un movimento”. La linea retta dà vita al movimento, la linea curva dinamizza e con la sua fluidità rompe gli spigoli della ritmicità della linea retta. In questo ritmo apparentemente polare e dualistico in cui ci si trova immersi in inspirazione ed espirazione, concentrazione ed espansione, riflessione e percezione l’uomo si trova proprio nel centro di quella ritmicità con la saldezza del proprio io. Scrive Kutzli nel suo libro Il creativo disegno di forme, citando Steiner, "Nell'organismo fisico e psichico di un essere umano esistono due polarità: la testa e le membra - un polo relativamente calmo e un polo in cui fluisce il movimento. Nella testa si riflette l'uomo neuro-sensorio, nel polo inferiore l'uomo del metabolismo e delle membra. L'uno è dominio del pensare, l'altro del volere. Il pensare può irrigidirsi in concetti morti, ma può anche essere compenetrato dalla luce della saggezza, il volere può dissolversi nel caos, ma può anche essere impregnato dal Calore dell'amore. E' la forza dell'Io che può stabilire l'armonia, l'equilibrio fra le due forze cosmiche." E ancora: "Il disegno di forme si rivolge all'essere ritmico che in noi armonizza ciò che crea forme e ciò che le dissolve, ciò che stimola e ciò che placa. Esso fortifica così il centro del nostro essere: l'Io. In un’epoca in cui tutto concorre alla paralisi della forza che apporta motivazione, al disseccamento dell'anima, in cui anti- ritmi minacciano di farci ammalare, un allenamento come il disegnar forme può essere una sorgente di forze risanatrici, vitalizzanti e animicamente attivanti." A questa esperienza si unirà in conclusione quella del disegno dal vivo.

Leggi tutto: 17/18.06.2017 - Lecce, laboratorio "Ars Lineandi"

03/04.06.2017 - Lecce, laboratorio "Comunicare tramite i mezzi grafici"

Si svolgerà a Lecce sabato 03 e domenica 04 Giugno 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio "Comunicare tramite i mezzi grafici", condotto da Axel Rutten, Arteterapeuta (Dipl.KT, FH), artista, insegnante di Kundalini Yoga.

Abstract del laboratorio

Le tecniche della grafica (matite, matite colorate, pastelli, acquerelli) si prestano molto bene per raccontare perché inducono il partecipante ad un lavoro dettagliato quando viene guidato nel modo corretto. L'uso dei mezzi grafici è spesso bloccato da esperienze negative del passato. Perciò è necessario un lavoro preparatorio per decontaminare e sbloccare il segno grafico e rinnovare i criteri di autovalutazione delle proprie opere. Una eccessiva tendenza al giudizio (spesso negativo) sulle proprie opere impedisce il dialogo interiore. Il laboratorio propone esercizi per introdurre un modo nuovo di usare la grafica, la conoscenza dei materiali per un corretto uso in atelier e le tecniche per incentivare il paziente all'approfondimento delle opere creando così una relazione di cura che è alla base del processo arteterapico.

Leggi tutto: 03/04.06.2017 - Lecce, laboratorio "Comunicare tramite i mezzi grafici"

27/28.05.2017 - Lecce, laboratorio "Danzamovimentoterapia nei contesti educativo pedagogici"

Si svolgerà a Lecce sabato 27 e domenica 28 Maggio 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio "Danzamovimentoterapia nei contesti educativo - pedagogici", condotto da Raffaela D'Alterio, Danzamovimentoterapeuta, Pedagogista clinico, educatrice professionale esperta in disabilità, mediatrice penale.

Abstract del laboratorio

La scuola rivaluta sempre di più l’importanza del corpo nei processi formativi e di apprendimento. Nonostante una costante programmazione, è ancora poco il lavoro che si concretizza nei contesti scolastici ed educativi in genere. La DMT rappresenta una risorsa importantissima per recuperare la pedagogia del corpo e strutturare un lavoro serio destinato al miglioramento degli apprendimenti. Il lavoro prevede la sperimentazione pratica di possibili tecniche da attuare all’interno di strutture scolastiche sia con gli alunni che con gli insegnanti.
Una parte del lavoro sarà rivolto al movimento come esperienza del ripercorrere le tappe dello sviluppo psicomotorio. 
La stessa espressione libera della persona attraverso il corpo e il movimento è vissuta come espressione e creazione in divenire, tale concetto deve rimanere tale nei contesti educativi in genere.

Leggi tutto: 27/28.05.2017 - Lecce, laboratorio "Danzamovimentoterapia nei contesti educativo pedagogici"

06/07.05.2017 - Lecce, laboratorio "Tecnica della Fiabazione"

Si svolgerà a Lecce sabato 6 e domenica 7 Maggio 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio "La Tecnica della Fiabazione", condotto da Stefano Centonze, Musicoterapeuta, Editore, Formatore, Presidente Nazionale Artedo.

Abstract del laboratorio

Nel laboratorio sulla costruzione delle fiabe e delle storie si attivano i processi di identificazione con i personaggi, reali o immaginari, delle stesse, che guidano l’operatore verso l’acquisizione di un punto di vista “altro” rispetto ai propri vissuti ed al proprio essere nel mondo.
Tale nuovo vertice di osservazione, la cui conquista è agevolata dalla riscoperta della creatività, svela soluzioni utili non solo per la rilettura dei rapporti con gli altri, ma anche per la vita quotidiana.
E vale, in particolar modo, nella relazione d’aiuto, laddove l’inibizione dell’accesso al canale verbale per taluni utenti, sposta la centralità dell’interazione sulla comunicazione non verbale, di senso, quale comunicazione vera e immediata, in grado di svelare le zone buie dell’operatore che, nell’accezione psicodinamica delle fiabe, è rappresentata dall’antagonista.
Appare, dunque, significativo che egli, attraverso un apposito percorso personale in gruppo, sia in grado di riconoscere i processi di proiezione che ostacolano la relazione d’aiuto ed acquisire la giusta distanza che permette di riconoscere e distinguere i propri oggetti interni da quelli dell’altro a cui prestare, liberamente e senza condizionamenti, il necessario sostegno.

Leggi tutto: 06/07.05.2017 - Lecce, laboratorio "Tecnica della Fiabazione"

20/21.05.2017 - Lecce, laboratorio "Alfabetizzazione emozionale e integrazione scolastica"

Si svolgerà a Lecce sabato 20 e domenica 21 Maggio 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio di Teatroterapia "Alfabetizzazione emozionale ed integrazione scolastica: progettare un intervento di Teatroterapia nella scuola", condotto da Chiara Germanò, Dottoressa in Pedagogia dei processi formativi, Teatroterapeuta.

Abstract del laboratorio

Il laboratorio si propone di affrontare le diverse fasi progettuali che portano alla strutturazione di un intervento di Teatroterapia in ambito scolastico, con focus in particolare sugli obiettivi più comunemente richiesti in questo settore, ovvero l’alfabetizzazione emozionale e l’integrazione scolastica, intesa quest’ultima sia come inclusione degli alunni con disabilità che come integrazione socioculturale degli alunni di nazionalità straniera.

Leggi tutto: 20/21.05.2017 - Lecce, laboratorio "Alfabetizzazione emozionale e integrazione scolastica"

29/30.04.2017 - Lecce, laboratorio "La Danzamovimentoterapia nei contesti educativo - pedagogici"

Si svolgerà a Lecce sabato 29 e domenica 30 Aprile 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio di Danzamovimentoterapia, dal titolo "La Danzamovimentoterapia nei contesti educativo - pedagogici" condotto da Raffaela D'Alterio, Danzamovimentoterapeuta, Pedagogista clinico, educatrice professionale esperta in disabilità, mediatrice penale.

Abstract del laboratorio

La scuola rivaluta sempre di più l’importanza del corpo nei processi formativi e di apprendimento. Nonostante una costante programmazione, è ancora poco il lavoro che si concretizza nei contesti scolastici ed educativi in genere. La DMT rappresenta una risorsa importantissima per recuperare la pedagogia del corpo e strutturare un lavoro serio destinato al miglioramento degli apprendimenti. Il lavoro prevede la sperimentazione pratica di possibili tecniche da attuare all’interno di strutture scolastiche sia con gli alunni che con gli insegnanti.
Una parte del lavoro sarà rivolto al movimento come esperienza del ripercorrere le tappe dello sviluppo psicomotorio.
La stessa espressione libera della persona attraverso il corpo e il movimento è' vissuta come espressione e creazione in divenire, tale concetto deve rimanere tale nei contesti educativi in genere.

Leggi tutto: 29/30.04.2017 - Lecce, laboratorio "La Danzamovimentoterapia nei contesti educativo - pedagogici"

22/23.04.2017 - Lecce, laboratorio di Musicoterapia Recettiva Analitica - I livello

                                                    

Si svolgerà a Lecce sabato 22 e domenica 23 Aprile 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio di Musicoterapia dal titolo "Musicoterapia Recettiva Analitica - I livello", condotto da Niccolò Cattich, docente Artedo, neurologo,  psichiatra, analista della Società Italiana di Psicologia Individuale, musicoterapeuta.

Abstract del laboratorio

Il laboratorio propone la tecnica della Musicoterapia Recettiva Analitica esplorando la I fase prevista secondo il metodo, attuata tramite l'ascolto di brani proposti dal docente ma anche scalette musicali portate dagli allievi per rappresentare se stessi al gruppo come previsto nella II fase del metodo. Durante il laboratorio verranno esplorate le diverse modalità di utilizzo della verbalizzazione, a seconda della finalità e dell'utenza.

Leggi tutto: 22/23.04.2017 - Lecce, laboratorio di Musicoterapia Recettiva Analitica - I livello

11/12.03.2017 - Lecce, laboratorio integrato di Arteterapia e Teatroterapia



Si svolgerà a Lecce sabato 11 e domenica 12 Marzo 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio integrato tra Arteterapia e Teatroterapia dal titolo "Il fotoromanzo cartaceo e il fotoromanzo multimediale come esperienze creative di narrazione, espressione e revisione di sé", condotto da Gianluca Lisco, docente Artedo, psicoterapeuta, esperto di foto-videoterapia.

Abstract del laboratorio

Se intendiamo il fotoromanzo come una storia composta da immagini e fotografie possiamo lavorare in gruppo per imprimerla su un supporto cartaceo o multimediale.
Nel lavoro con il fotoromanzo la persona costruisce, trasforma e ritrova tracce di sé all’interno delle fotografie che siano istantanee realizzate al momento o fotografie personali dal proprio album.
La sequenza spazio-temporale con cui le immagini vengono disposte assieme alle didascalie e agli elementi grafici che possono riempire il vuoto fertile tra un’immagine e l’altra sono aspetti fondamentali per la creazione di senso e significato esistenziale del fotoromanzo.
Le immagini e le fotografie possono diventare pertanto elementi narrativi di una nuova composizione, una nuova Gestalt percettiva e narrativa.
Se intendiamo la percezione come un atto intenzionale e creativo è possibile lavorare per intrecciare e scoprire tracce narrative di sé nel lavoro con il fotoromanzo.
Possiamo raccontare una storia attraverso le immagini e le fotografie, scrivere dialoghi e fermare in uno scatto fotografico un frammento, un istante di una drammatizzazione o di una rappresentazione scenica.
Il fotoromanzo è di per sé un racconto che può integrare all’interno del processo creativo di produzione diversi linguaggi espressivi: drammatizzazione, fotografia, musica, scrittura creativa, danza, scenografia, costumi e regia.
Nel realizzare un’istantanea che vada a costituire quell’elemento percepito della realtà da inserire nella storia e nella composizione la persona e il gruppo possono giocare come fossero in uno studio di produzione fotografico, teatrale e cinematografico.
Potranno così rivestire i ruoli del regista che coordina gli attori e i lavori sul set per realizzare uno scatto fotografico che rappresenti quella parte della storia che il gruppo ha scelto di narrare e raccontare attraverso il fotoromanzo.

Leggi tutto: 11/12.03.2017 - Lecce, laboratorio integrato di Arteterapia e Teatroterapia

18/19.03.2017 - Lecce, laboratorio di Danzamovimentoterapia "Il linguaggio del corpo"


Si svolgerà a Lecce sabato 18 e domenica 19 Marzo 2017 dalle 9.00 alle 18.00 presso la Scuola di danza Time for dance Salento, Via Vecchia Cavallino 21, zona Castromediano, il laboratorio di Danzamovimentoterapia, dal titolo "Il linguaggio del corpo", condotto da Federico Caporale, docente Artedo, danzamovimentoterapeuta, supervisore in DMT, danzatore e formatore.

Abstract del laboratorio

Il programma darà maggior spazio agli elementi di base della DMT e ai relativi campi di applicazione. Il laboratorio sarà focalizzato sull’orientamento, sulla fondazione del gruppo, sugli elementi fondamentali del movimento, metodologia, teoria e tecnica della DMT (progettazione e conduzione) alternando esperienze pratiche e riportandole via via a schemi metodologici ed eventuali riferimenti teorico/bibliografici.

Leggi tutto: 18/19.03.2017 - Lecce, laboratorio di Danzamovimentoterapia "Il linguaggio del corpo"

08/09.04.2017 - Lecce, laboratorio di Arteterapia "Il modello trasformativo gruppale integrato"



Si svolgerà a Lecce Sabato 8 e domenica 9 aprile 2017, dalle 9 alle 18, presso la Scuola di danza Time for dance Salento
, Via Vecchia Cavallino 21 (Zona Castromediano), si svolgerà il Laboratorio di Arteterapia "Il modello trasformativo gruppale integrato", condotto da Ilaria Caracciolo, Psicoterapeuta e Arteterapeuta.

Abstract del laboratorio
L’utilizzo delle tecniche arteterapiche con finalità educative, preventive, riabilitative, terapeutiche attraverso il lavoro di gruppo. Teorie e tecniche dell’utilizzo dello strumento gruppale in Arteterapia per favorire l’attivazione di dinamiche (come: rispecchiamento, condivisione emotiva, ecc.) con finalità terapeutica, intendendo con ciò la possibilità di avviare una rielaborazione dei contenuti dell’individuo ad un livello profondo, intrapsichico, attraverso la relazione nel qui ed ora con il Gruppo e con il Conduttore, quale che sia la finalità del processo Arteterapico. In questo laboratorio si affronteranno le differenze di gestione teorico tecnica tra i differenti tipi di gruppo (piccolo, medio e grande) con particolare riferimento al tipo di dispositivi utilizzati e dal ruolo/posizione dell’arteterapeuta nei diversi setting.

Leggi tutto: 08/09.04.2017 - Lecce, laboratorio di Arteterapia "Il modello trasformativo gruppale integrato"

Contatti sede di Lecce

Artedo - Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche
Viale Oronzo Quarta 24, 73100 Lecce

Contatti Sede Nazionale

Artedo - Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche

Viale Oronzo Quarta 24, 73100 Lecce

Sei qui: Home Laboratori